ROBERTO MUROLO
  DISCHI IN ARCHIVIO
1946   Serenatella A 'na Cumpagna 'e Scola
1947   'A Vucchella
1947   White Christmas
1948   'Na Sera 'e Maggio
1948   Scalinatella
1948   Serenatella
1949   Fravula Fra
1949   Me So' 'mbriacato 'e Sole
1949   Scetate
1949   Tammuriata Nera (originale)
1950   'e Spingule Frangese
1950   'O Marenariello
1950   'O Paese D' 'o Sole
1950   Acercate Mas
1950   Comme Facette Mammeta
1950   Core 'ngrato
1950   Cuscritto 'nnamurato
1950   Desiderio
1950   Dove Sta Zazà
1950   Io Te Vurria Vasa'
1950   Silenzio Cantatore
1950   Vereda Tropical
1950   Voglio Sunna' Pusilleco
1951   'Nu Quarto 'e Luna
1951   Anema E Core
1951   Casa Sulitaria
1951   Marechiare
1951   Passione
1952   'A Casciaforte
1952   'E cummarelle
1952   'O Ciucciariello
1952   Aggio Perduto 'o Suonno
1952   Desiderio 'e Sole
1952   Io,'na Chitarra E 'a Luna
1952   Nemica
1952   Sciummo
1952   Varca Lucente
1953   Munasterio 'e Santa Chiara
1953   Piscatore 'e Pusilleco
1954   Accussi'
1954   Mandulinata A Napule
1954   Ninna Nanna
1954   Scalinatella (versione 1954)
1954   Semplicità
1954   Te voglio bene (Tanto Tanto)
1954   Tre rundinelle
1955   'Na Voce 'na Chitarra E 'o Ppoco 'e Luna
1955   Fenesta Vascia
1955   Furturella
1955   Lacreme Napulitane
1955   Maruzzella
1955   Oilì Oilà
1955   Primma Siconda E Terza
1955   Pusilleco Addiruso
1956   Cicerenella
1956   Dimme Addò Staie
1956   La Tarantella
1956   Michelemmà
1956   Nun So' Geluso
1956   Penzammo 'a Salute
1956   Santa Lucia
1956   Simmo 'e Napule Paisa'
1956   Suspiranno 'na Canzone
1956   Te Si Scurdata 'e Napule
1956   Te Voglio Bene Assaje
1956   Tiempe Belle
1956   Vint'anne
1957   Lo Cardillo
1957   Manname 'nu Raggio 'e Sole
1957   Nun Chiagnere Carmè
1957   Resta Cu'mme
1957   Serenatella Sciue'-sciue'
1957   Tarantelluccia
1958   'A Canzone 'e Napule
1958   'O Cunto 'e Mariarosa
1958   L'addio
1958   Maggio Si' Tu
1958   Malatia
1958   Napule Canta
1958   Tammurriata Nera
1958   Vurria
1959   Lo Zoccolaro
1959   Sarrà Chi Sa
1961   Mare Verde
1963   'O Zampugnaro 'nnammurato
1963   Addio A Napule
1963   Canto Delle Lavandaie Del Vomero
1963   Dimme 'na Vota Si
1963   La Nova Gelosia
1963   La Rà La Rà La Rà Volimmo Pazzià
1963   La Rosa
1963   Lo Guarracino
1963   Lo Primm'ammore
1963   Lo Rialo
1963   Napule Signorsì
1963   Si Tu Nenna M'amave 'n'at'anno
1964   O Surdato 'nnammurato
Roberto Murolo nasce a Napoli il 19 gennaio 1912 (anche se la nascita viene registrata quattro giorni più tardi, il 23), penultimo dei sette figli di Lia Cavalli e di Ernesto Murolo (Napoli, 1876-1939), poeta, drammaturgo, giornalista e autore di canzoni, tra cui Nun me scetà (1930), morto in miseria nella sua città.
 
Tra i maggiori protagonisti della scena musicale napoletana, nel periodo che va dal secondo dopoguerra al 1960, trascorre la sua infanzia in un salotto frequentato da Salvatore Di Giacomo, Ferdinando Russo, Libero Bovio e Raffaele Viviani.
 
Studia chitarra e nel 1933, a Ischia, in una delle prime esibizioni accompagna Vittorio De Sica che canta E palumme.
Nel 1935, grazie alla sua passione per il nuoto, vince addirittura i campionati nazionali universitari, venendo premiato dal Duce in piazza Venezia.
L'anno successivo inizia a cantare nel gruppo vocale Mida Quartet, ispirato agli americani Mills Brothers, con un repertorio di canzonette ritmate, tra avanspettacolo e cabaret.
Alla voce di Murolo spetta il trombone, Enzo Diacova e Alberto Arcamone imitano le trombe, Amilcare Imperatrice il contrabbasso.
Il Mida Quartet trascorre all'estero otto anni, dal 1938 al 1946, sbarcando il lunario tra teatri e locali in Germania, Bulgaria, Grecia, Ungheria e Spagna, proponendo un repertorio internazionale e di canzoni italiane.
 
Tornato in patria dopo la fine della guerra, Murolo inizia la carriera da solista in campo concertistico e in quello discografico nel 1948, esibendosi al Tragara Club di Capri.
La sua voce da sussurro, seducente e intonata, valorizzata dall'uso del microfono, e il suo stile da chansonnier d'altri tempi incontrano subito il favore del pubblico. Canta Munasterio 'e Santa Chiara (Galdieri-Barberis, 1945), Tammurriata nera (Nicolardi-E. A. Mario, 1944), Scalinatella (Cioffi-Bonagura, 1948) e altri successi napoletani vecchi e nuovi, che raccoglierà in una fortunata antologia.
 
La radio diffonde in tutta Italia la sua voce attraverso i primi 78 giri della Telefunken-Durium, e inizia anche l'attività cinematografica:
appare in Catene (1949), con la regia di Raffaello Matarazzo, insieme ad Amedeo Nazzari e Yvonne Sanson.
Nello stesso anno lavora nel film Paolo e Francesca e l'anno dopo in Tormento, sempre di Matarazzo, ma anche in altre pellicole dove compare solo come cantante.
Ancora in Menzogna (1952) e Saluti e baci (1953), dove figura accanto a Nilla Pizzi, Yves Montand, Giorgio Consolini e Gino Latilla.
 
Nell'autunno del 1954 viene arrestato con un'accusa ingiusta di molestie sessuali su un minore, dalla quale uscirà completamente assolto, ma che gli causa un lungo periodo di lontananza dai media, impegnati in un'opera di completo ostracismo fino agli anni Ottanta quando, grazie anche all'intervento di alcuni estimatori, tra cui Peppino Di Capri e Renzo Arbore, inizierà un periodo di "recupero" dell'artista.
 
A partire dal 1956 Murolo studia a fondo il repertorio partenopeo dal 1200 ai giorni nostri, con il contributo del chitarrista Eduardo Caliendo, pubblicando poi Napoletana. Antologia cronologica della canzone partenopea (1963).
 
Scrive anche canzoni in proprio: con il musicista Nino Oliviero firma O ciucciariello (1951) e con il musicista Renato Forlani Torna a vucà (1958), Sarrà... chi sà! (1959), vincitrice del Festival di Napoli, eseguita da Fausto Cigliano e Teddy Reno, e Scriveme (1966).
 
Dopo la pubblicazione della sua antologia, incide a partire dal 1969 quattro album monografici intitolati I grandi della canzone napoletana, dedicati ai poeti Salvatore Di Giacomo, Ernesto Murolo, Libero Bovio e E. A. Mario.
 
A metà degli anni Settanta interrompe l'attività discografica, ma non quella concertistica.
Nel 1989 è protagonista dello spettacolo “Chitarre in concerto”, regia di Antonio Casagrande, cui prendono parte i cantanti - chitarristi Egisto Sarnelli, Tony Sigillo, Mario Maglione, Claudio Carluccio e l’attore Franco Gargia.
 
In età avanzata torna alla ribalta con l'album 'Na voce, 'na chitarra (1990), in cui interpreta canzoni di altri autori, tra cui Spassiunatamente di Paolo Conte,
Lazzari felici di Pino Daniele, Senza fine di Gino Paoli, e anche duetti:
Caruso con Lucio Dalla al pianoforte, la divertente Ammore scumbinato in coppia con l'amico Renzo Arbore, oltre a Sta musica con Consiglia Licciardi e L'ammore ca' nun vene, due testi firmati da Enzo Gragnaniello.
 
Gianni Cesarini ne racconta la vita in Roberto Murolo - La storia di una voce. La voce di una storia (Flavio Pagano Editore 1990) e in occasione del suo ottantesimo compleanno esce "Ottantavoglia di cantare" (1992).
Nel disco compaiono i duetti Don Raffaè, con Fabrizio De André - che aveva interpretato La nova gelosia nel suo album Le nuvole (1990) dopo averne ascoltato la versione di Murolo - e Cu' mme, con Mia Martini su testo di Enzo Gragnaniello, dove il timbro baritonale di Murolo si fa insolitamente più profondo. Nel disco interpreta anche Cercanno 'nzuonno, ancora con Gragnaniello, Na tazzulella 'e cafè con Renzo Arbore e Basta 'na notte con Peppino Di Capri.
 
Nel 1993 il trio Murolo, Martini e Gragnaniello incide l'album L'italia è bbella, titolo della canzone di Carlo Faiello con cui Murolo si esibisce quell'anno al Festival di Sanremo.
Murolo e De André si esibiscono insieme al concertone del Primo maggio 1993 in piazza San Giovanni, a Roma.
In seguito l'artista pubblica Tu si' 'na cosa grande (1994), tributo a Domenico Modugno, accompagnato dai migliori esponenti della musica napoletana del momento: Lina Sastri, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Pietra Montecorvino, Eugenio Bennato, Enzo Avitabile, Enzo Gragnaniello e Tony Esposito, su arrangiamenti di Adriano Pennino; incide poi nell'album Anema e core (1995) i brani Dicitencello vuje (Fusco-Falvo, 1930) e Anema e core (Manlio-D'Esposito, 1950) con la cantante Amália Rodrigues, la grande interprete del fado portoghese con la quale aveva già cantato nel marzo del 1974, al Teatro Politeama di Napoli.
 
Nominato grande ufficiale della repubblica per i suoi meriti artistici e da tutti definito maestro della canzone napoletana, ha una lunga discografia dove il capitolo più recente è Ho sognato di cantare (2002), undici canzoni d'amore realizzate con autori e musicisti della sua città - Enzo Gragnaniello, Daniele Sepe, Gigi De Rienzo e lo scrittore-attore Peppe Lanzetta - anticipato dal singolo Mbriacame scritto da Mimmo Di Francia, l'autore di Champagne e di vari successi napoletani, tra cui Ammore scumbinato.
 
Nel marzo 2002, durante il Festival di Sanremo, Murolo riceve il premio alla carriera, riconoscimento assegnato nel 2000 a Tony Renis e nel 2001 a Domenico Modugno, alla memoria. In occasione del suo novantesimo compleanno Rai Sat Album gli dedica lo special Roberto Murolo Day - Ho sognato di cantare, ideato e condotto da Renzo Arbore, per la regia di Alessandra Rinaldi.
 
Scompare nella notte tra il 13 e il 14 marzo 2003 a Napoli, nella sua casa del Vomero.
 
 
 
 
La foto ci è stata fornita gentilmente dal'amico Angelo Zaniol