GIUSEPPE GODONO

 

      DISCHI IN ARCHIVIO
1913   78 giri Primavera Di Baci
1913   78 giri 'O Mare 'e Margellina
1916   78 giri 'O Surdato 'nnammurato
1916   78 giri Campagnola

 

Giuseppe Godono nasce a Napoli il 4 settembre 1876 e muore a Roma il 22 dicembre del 1963.
Giuseppe, o Peppino, come ha sempre desiderato essere chiamato, fin da piccolo ha la passione per la musica lirica.
Nello stabilimento meccanico del padre, tra gli operai, Godono si lega al papà di Enrico Caruso che già bazzica nel mondo della lirica e con costui che inizia a conoscere le prime opere.
 
Già dalla fine dell'Ottocento il cantante debutta nello spettacolo, cantando nei teatri lirici d'Italia. Nel 1902 egli affronta la prima tournèe all'estero, trovando con l"Elisir d'amore", uno strepitoso successo al Teatro Reale di Madrid. Nello stesso anno egli inaugura il Teatro Biondo di Palermo con l'opera "La Sonnambula" di Bellini.
 
Nei primi dieci anni del '900 il cantante si dedica solo ed esclusivamente alla lirica interpretando le migliori opere in circolazione, dalla "Carmen" di Bizet alla "Favorita" di Donizetti, dalla "Marta" di Flotow alla "Aida" di Versi, dalla "Lucrezia Borgia" di Donizetti alla "Traviata" di Verdi, dal "Werther" di Massenet al "Barbiere di Siviglia" di Rossini, dal "Don Pasquale" di Donizetti all'Africana di Meyerbeer, dalla "Luisa Miller" di Verdi al "Faust" di Gounod, dai "Puritani" di Bellini al "Rigoletto" di Verdi, alla "Cavalleria rusticana" di Mascagni.
 
Un primo approccio con la canzone napoletana avviene nel 1910 quando Giuseppe, dal repertorio del suo amico Enrico Caruso, recupera e incide su disco a 78 giri il motivo "Mamma mia che vuò sapè" di Ferdinando Russo ed Emanuele Nutile.
Godono passa alla pura melodia partenopea nel 1911 incidendo i motivi "Si sta chitarra" di Nardella e "Chitarrata triste " di Falvo, scritti appositamente per lui. Le canzoni, al contrario di "Mamma mia che vuò sapè" sono interpretate dal cantante in maniera melodica, accantonando per un attimo il suo stile lirico. Naturalmente questi sono solo primi tentativi del tenore, che continua con la sua intensa attività lirica nei maggiori teatri italiani ed europei.
 
Con il soprano Matilde Principe Di Marzio, Godono, nel 1911, incide "Gran Dio, morir sì giovine", "Prendi quest'è l'immagine", "Amami Alfredo", "Parigi o cara" e "Scena della borsa", brani tutti tratti dalla "Traviata" di Giuseppe Verdi.
 
Il passaggio alla canzonetta Godono lo effettua nel 1912 quando decide di partecipare, per la prima volta, all'audizione di Piedigrotta Feola-Capolongo (La Canzonetta) che si disputa alle Terrazze Santa Lucia.
I brani consegnati a Godono sono: "Te voglio bene" di Rainone-Medina e "O mare 'e Margellina" di Irace-Fassone.
Intanto, dal punto di vista discografico, Don Peppino continua il suo viaggio nella lirica incidendo con i soprani Maria Fornaro e Angela De Angelis alcuni brani tratti dalla "Traviata" di Verdi e con il mezzo soprano Maria Cappiello brani tratti da "Favorita" di Donizetti e dal "Trovatore" di Verdi.
Con il baritono Franz Glejieses, infine, registra alcuni duetti tratti dai "Pescatori di perle" di Bizet e da "Forza del destino" di Verdi.
 
Ritornando alla melodia napoletana, sul finire del 1912, arriva per Giuseppe Godono un contratto che cambia totalmente la sua carriera.
È scritturato dalla Poliphon, l'editoria tedesca di Massimo Weber ed Emilio Gennarelli, e con la Poliphon Godono decide di diventare cantante di melodie partenopee, lasciando la lirica all'occasione.
Già alla prima audizione di Piedigrotta il cantante trova successo immediato con il motivo "So 'nnammurato 'e te" di Gian Battista De Curtis.
Da questa data, per Godono, sarà un susseguirsi di successi musicali, diventando, con Pietro Mazzone, Roberto Ciaramella, Silvia Coruzzolo, Diego Giannini, Giorgio Schottler ed Elvira Donnarumma, la punta di diamante della casa discografica Phonotype Record di Amerigo Esposito.
Le sue interpretazioni sono, per la maggior parte, delle mandolinate, delle serenate e delle barcarole, anche se Godono non disdegna per niente generi musicali diversi. Ritroviamo, infatti, numerose incursioni del tenore nei canti degli emigranti (struggente l'interpretazione di Godono del motivo "A luna 'e Napule"), nelle canzoni a marcia e negli allegretti campagnoli e tarantellistici.
 
La maggior parte della sua produzione discografica è realizzata dalla Phonotype Record.
Il cantante, tra gli anni '10 e gli anni '30 del '900, ha partecipato a quasi tutte le più importanti audizioni di Piedigrotta partenopee (Poliphon, Marechiaro, Rossi, La Canzonetta, Santa Lucia, Bideri, ecc.).
 
Per tutta la seconda metà degli anni '20, Don Peppino, rallentando la sua attività discografica, è impegnato quasi esclusivamente all'estero, dopodiché, forte della sua passione, decide di assumere la direzione di una scuola di canto a Roma, dove si trasferisce definitivamente.
 
***Biografia tratta da un articolo di  Antonio Sciotti   per   Hit Parade Italia   che vi invitiamo a visitare e a consultare