MARIO DEL MONACO
Tenore, nasce a Firenze il 27 luglio del 1915 e muore a Mestre il 16 ottobre del 1982.
Diplomatosi a Pesaro in musica - dove studia con Melocchi - debutta nel 1939 a Pesaro, nel ruolo di Turiddu.
 
Nel 1941 è al Puccini di Milano, nella "Madama Butterfly".
Ma il suo vero exploit arriva nel 1946 al Covent Garden di Londra.
 
A partire dal 1950 canta nei più importanti teatri del mondo: al Metropolitan, al Maggio Musicale fiorentino, all'Opera di Belgrado.
 
Il suo ruolo più celebre è ne "L'Otello", che interpreta per 427 volte, ma famose sono anche le sue interpretazioni ne "La forza del destino", nell' "Aida", nell' "Ernani", nell' "Andrea Chénier", nella "Tosca", nella "Turandot" e nella "Norma".
 
Il successo arriva anche con varie arie leggere, con le cosiddette canzoni che, inserite in film di cassetta, fanno conoscere a tutti il grande tenore.
 
Del Monaco, infine, è famoso anche per le sue interpretazioni della canzone napoletana.
 
Ha partecipato anche a molti film: "L'uomo dal guanto grigio" del 1949, "Melodie immortali" del 1953, "Giuseppe Verdi", "Guai ai vinti", "La donna più bella del mondo" del 1955.