BIOGRAFIA DI EMILIO PERICOLI

Emilio Pericoli, nato a Cesenatico il 7 Gennaio 1928, dopo aver imparato a suonare il pianoforte e la chitarra, nel 1947 entra come cantante nell'orchestra del maestro Enzo Ceragioli, con cui si esibisce in Italia e all'estero per alcuni anni.

Grazie all'interessamento di Lelio Luttazzi, nel 1954 partecipa al concorso radiofonico Dieci canzoni da lanciare; l'anno successivo debutta come attore in Il motivo in maschera, film di Stefano Canzio ispirato all'omonimo quiz radiofonico presentato da Mike Bongiorno a cui Pericoli aveva partecipato come cantante nell'orchestra diretta da Luttazzi, insieme aJula de Palma e Paolo Bacilieri.

Nel frattempo inizia anche l'attivitÓ di attore teatrale, partecipando ad alcune commedie musicali come Valentina (messa in scena dalla compagnia di Isa Barzizza).

Nel 1959, firmando il contratto con la Dischi Ricordi, inizia il suo periodo di maggior successo, anche grazie alla rivisitazione di alcuni classici della canzone italiana degli anni '30 e '40 e di alcune canzoni napoletane come Anema e core e Scalinatella, tutti raccolti in due album, Amori d'altri tempi del 1961 e Amori dei nostri anni ruggenti pubblicato l'anno seguente, con gli arrangiamenti curati da Iller Pattacini.

Nello stesso 1961 una sua versione di Al di lÓ vende oltre un milione di copie raggiungendo la top 10 dei dischi pi¨ venduti in America e entrando nella top 30 Britannica.

Nell'autunno del 1961 fa parte del cast di Studio Uno, in coppia con Renata Mauro.

Partecipa al Festival di Sanremo nel 1962 con Quando quando quando in coppia con l'autore della canzone Tony Renis. Nello stesso anno vince il Gran Festival di Piedigrotta con il brano Mandulinata blu, abbinato a Mario Trevi. Alla stessa manifestazione presenta Appriesso a nu suonno, replicata da Nelly Fioramonti.

L'anno successivo la coppia Pericoli-Renis vince il Festival di Sanremo con Uno per tutte.

Sempre nel 1963, a Londra, partecipa alla ottava edizione dell'Eurovision Song Contest, classificandosi terzo (vittoria dei coniugi danesi Ingmann) con la stessa canzone vincente a Sanremo. Nel 1964 si ripresenta a Sanremo con il motivo Piccolo piccolo che non riesce ad accedere alla serata finale; il brano Ŕ replicato dal cantante tedesco Peter Kraus.

A metÓ degli anni sessanta, passa alla Warner Bros. Records, per la quale pubblica alcuni 45 giri, e alla fine del decennio allaGlobe Records, distribuita dalla Bentler.

Collabora poi ad alcune incisioni con i Marc 4.

Nel settembre 2011 Ŕ ospite di Carlo Conti a I migliori anni (Rai 1).

╚ morto il 9 aprile 2013 all'etÓ di 85 anni alla casa di riposo di Savignano sul Rubicone