SERGIO BRUNI
Casella di testo: Nacque a Villaricca, un piccolo paese a pochi chilometri da Napoli, il 15 settembre 1921, da Gennaro Chianese e Michela Percacciuolo.
A nove anni s'iscrisse a una scuola serale di musica e a undici diventò suonatore di clarinetto nella banda del paese, realizzando così la sua prima esperienza da musicista.
Nel 1938, a diciassette anni, si trasferì con la famiglia al limitrofo Chiaiano, cominciò a lavorare un po' come operaio ed entrò nel giro di un gruppo di studenti che furono i primi estimatori delle sue doti canore.
Nel settembre del 1943, mentre si trovava a casa in licenza di convalescenza, proveniente dal novantunesimo reggimento fanteria di stanza a Torino dove cantò per la prima volta davanti ad un pubblico di militari, ebbe notizia che a Napoli la gente stava insorgendo contro le truppe tedesche e formò con una decina di giovani della sua età un gruppo di volontari. Si procurarono delle armi e il 29 settembre, con l'aiuto di un capitano d'artiglieria, riuscirono a sminare il ponte di Chiaiano, minato dai tedeschi.
Sulla via del ritorno s'imbatterono in una pattuglia tedesca e, in uno scontro a fuoco, rimase gravemente ferito alla gamba destra e segnato per sempre da una menomazione nel camminare.
Trasportato avventurosamente in ospedale su di un carretto, si salvò la vita per miracolo.
Quando fu dimesso dall'ospedale, spinto e aiutato dai suoi amici di Chiaiano, cominciò a frequentare la scuola di canto tenuta dal maestro Gaetano Lama e dal grande cantante Vittorio Parisi, diventandone subito il vanto.
Dopo pochi mesi, il 14 maggio 1944, presentato proprio da Vittorio Parisi, esordì ufficialmente davanti al pubblico del Teatro Reale di Napoli.
Ottenne un grande successo, ma il giorno dopo l'impresario rifiutò di farlo cantare per non disturbare i suoi "artisti scritturati".
Il cantante, che non aveva altri lavori, visse momenti difficili e cominciò a frequentare la Galleria in cerca di qualche piccola scrittura che non arrivò quasi mai.
Ma l'anno dopo entrò nel mondo della canzone dalla porta principale, vincendo un concorso per voci nuove bandito dalla RAI.
La fase finale si svolse il 21 ottobre al Teatro delle Palme di Napoli e Bruni ottenne un vero trionfo, classificandosi primo con 298 voti contro i 43 del secondo classificato.
La vittoria gli fruttò un premio di 3000 lire e un contratto con Radio Napoli.
Cominciò così lunghe prove di dizione e di canto sotto la guida del maestro Gino Campese, che dirigeva allora l'orchestra stabile di Radio Napoli, cantando poi in seguitissime trasmissioni radiofoniche.
Lo stesso maestro Campese gli suggerì il nome d'arte Sergio Bruni per evitare confusione con un altro cantante radiofonico che si chiamava Vittorio Chianese.
Il 1948 fu per Sergio Bruni un anno cruciale per la sua vita e la sua carriera di cantante.
Il 14 febbraio si sposò con Maria Cerulli, che fu la sua dolce e fedele compagna per tutta la vita e con la quale mise al mondo quattro figlie.
Nello stesso anno incise per La voce del padrone, che restò la sua casa discografica per un ventennio, il suo primo disco.

Nel1949, interpretò la canzone Damme 'sta rosa, parolata da Giuseppe Casillo e musicata dal maestro Luigi Vinci, edita a Napoli dalla casa di musica Gennarelli.
Sempre nel 1949, scritturato dalla Casa Editrice La Canzonetta, partecipò alla sua prima Piedigrotta, ottenendo un clamoroso successo con la canzone Vocca 'e rose e presentandovi in seguito altri numerosi motivi, come Surriento d'e nnammurate (1950), A rossa (1952), O rammariello (1952), A luciana (1953), Chitarrella chitarrè (1953), Vienetenne a Positano (1955) e Piscaturella (1956).

In questi anni Sergio Bruni incominciò ad imporre il suo stile interpretativo sempre più personale e inconfondibile che gli procurò un grande consenso popolare che lo accompagnò per tutta la sua carriera.
Dal 1952 partecipò a quasi tutti i Festival della canzone napoletana, portando al successo canzoni amate e cantate ancora oggi, come Sciummo (1952), O ritratto 'e Nanninella (1955), Suonno a Marechiaro (1958) e Vieneme 'nzuonno (1959).
Sì classificò primo nel 1962 con Marechiaro marechiaro e nel 1966 con Bella e avrebbe vinto anche il festival del 1960 con Serenata a Margellina, ma si ritirò clamorosamente all'ultimo momento, rifiutandosi di partecipare alla serata finale per una diatriba con Claudio Villa e gli organizzatori.
Nel 1960, al culmine della sua carriera, partecipò per la prima volta al Festival di Sanremo con Il mare ed È mezzanotte, entusiasmando tutta l'Italia.
Sempre nel 1960, incise con l'editore Acampora Sfaticatella canzone d'ammore musicata da Raffaele Vincenti e parolata da Giuseppe Casillo.
In seguito si ritirò nella sua villa di Napoli e stipendiò per anni il suo pianista di allora, Gianni Aterrano, per concentrarsi quasi esclusivamente sul repertorio classico della canzone napoletana.
Ridusse drasticamente le sue esibizioni e, tra la rabbia di molti suoi fan, abbandonò gradualmente tanti suoi successi.
Tra le tante canzoni antiche che interpretò, si ricordano Fenesta vascia, La serenata di Pulcinella, attribuita a Cimarosa e La rumba degli scugnizzi di Raffaele Viviani.
Ma Sergio Bruni aveva già scritto la musica di canzoni di grande successo, come Palcoscenico (1956) e Na bruna (1971).
Decisiva fu la collaborazione con il poeta Salvatore Palomba: un sodalizio da cui nacquero, tra l'altro, Carmela (1975), divenuto un classico della canzone napoletana, e l'album Levate 'a maschera Pulecinella (1975), divenuto nell'ottobre del 1976 anche uno spettacolo televisivo e teatrale.
Nel 1980 nacque Amaro è 'o bene, altro grande successo del duo Palomba - Bruni, incluso nel disco Una voce una città, contenente, tra l'altro, il testo di Eduardo De Filippo È asciuto pazzo 'o patrone, musicato da Bruni.
Tra il 1980 ed il 1990, Bruni realizzò un'antologia della canzone napoletana contenente le canzoni, da lui più amate, nate dal 1500 in poi, ed alcune di sua composizione. Il lavoro venne pubblicato nel 1984 in un'edizione in cofanetto con quattro dischi a 33 giri, contenenti quaranta canzoni, e un libro curato da Roberto De Simone e autoprodotto da Bruni.
Nel 1991 la Casa Editrice Ferdinando Bideri ripubblicò in formato CD e MC il primo cofanetto e vi aggiunse un secondo cofanetto con oltre quaranta canzoni. Nello stesso anno, Bruni realizzò uno spettacolo televisivo basato su questo lavoro discografico.
Nel marzo del 2000, per motivi di salute e opportunità, Bruni lasciò la sua villa di Napoli e si trasferì a Roma, città d'abitazione di due delle sue quattro figlie.
Il 15 settembre del 2001, in onore del suo ottantesimo compleanno, Villaricca organizzò un Bruni Day dedicato al suo cittadino, al quale partecipò anche Nino D'Angelo, il quale nel dicembre 2008 pubblicherà un CD in suo onore intitolato D'Angelo canta Bruni.
Nello stesso anno Bruni incise l'ultima canzone, cantandola in coppia con il cantautore Lino Blandizzi, dal titolo Ma dov'è, la quale uscì nell'album Blandizzi incontra Sergio Bruni.
Sergio Bruni si spense per una crisi respiratoria all'ospedale Santo Spirito di Roma il 22 giugno 2003.

 

1948   Fiore scarlatto
1948   L'amore sotto la Luna
1948   Pusilleco Addiruso
1948   Te Si Scurdato 'e Napule
1949   Sospiratella
1949   Triste pensiero
1950   'ncopp' A Ll'onna
1950   A Celentano
1950   Canciello 'e Sposa
1950   Comme Facette Mammeta
1950   Piscatore 'e Pusilleco
1950   Scalinatella
1950   Surriento D'è 'nnammurate
1952   Funiculì Funiculà
1952   Lettera Napulitana
1952   Li funtanelle
1952   Margellina
1952   Maria è robba mia
1952   Sciummo  (Fiume)
1953   'A Luciana
1953   'E Surdatielle
1954   'A Bonanema 'e Ll'ammore
1954   'O Ritratto 'e Nanninella
1954   Catarì
1954   Comme Se Canta A Napule
1954   Lo Guarracino
1954   Napule Ca Se Ne Và
1954   O Core Vo Fa Sciopero
1954   Palomm' 'e Notte (Versione 45)
1954   Palomma 'e Notte
1954   Quann'ero Surdato
1954   Qui Fu Napoli
1954   Scapricciatiello
1954   Sona Chitarra
1954   Surdate
1954   Tarantella A Luciana
1955   'A Luna Chiara
1955   Angelarè
1955   Ddoje Stelle So Cadute
1955   La Ricciolella
1955   Nuttata 'e Sentimento
1955   Vienetenne A Positano
1956   'A Nuvena
1957   Funtana All'ombra
1957   Giangiacomomaria
1957   L'ultimo raggio 'e luna
1957   La Palummella
1957   Lazzarella
1957   O treno d'a fantasia
1957   Oilì, Oilà
1957   Pienzece Buono (Ciccillo Mio)
1957   Suonno 'e Fantasia
1958   'Ncopp' 'e Camaldule
1958   Chiove A Zeffunno
1958   Marechiare
1958   Suonno A Marechiaro
1959   'Mbraccio A Te
1959   Chiove
1959   Quanno 'ammore Vò Filà
1959   Vieneme 'n Zuonno
1960   Comme 'o Zuccaro
1960   Dduie Paravise
1960   Il Mare
1961   Carolina Dai
1961   Mare Verde
1961   Settembre Cu Mme
1962   Gondolì Gondolà
1962   Notte Lucente 
1962   Palcoscenico
1964   Graziella
1964   Papiluccio E Cuncettina
1964   Sì Turnata
1965   'A Serenata 'e Pulecenella
1965   'A Vita Mia
1965   Il Sole è Nato A Napoli
1965   Luna Nova
1965   Napule è 'na Canzone
1965   Reginella
1965   Sciummo  (Remake)
1966   'Na Mmbasciata (filumè)
1966   Bella
1966   Ll'ultime Rrose
1966   Ma Pecchè
1967   Surdate
1968   'a Canzone D'a Felicità
1968   'a Carretta D'e Suonne
1968   'A Straniera
1968   'O Gran Pascià
1968   Allegramente
1968   Che T'aggia Di'
1968   Ciente Appuntamente
1968   Lu Cardillo
1968   Nuttata 'e Sentimento  (Versione Lord)
1968   Suonno 'e Fantasia (Versione Anni 60)
1968   Villanelle
1970   'Na Parola
1970   'Na Sera E Maggio
1970   'O Munasterio
1970   Io 'na Chitarra E A Luna
1970   Marianni'
1970   Mierolo Affortunato
1970   Nun Me Sceta'
1970   Palomma
1976   Belzebù
1976   Carmela
1977   'A Vucchella
1977   'e Spingole Francese
1977   'O Marinariello
1977   Comme Facette Mammeta
1977   Core 'ngrato
1977   Guapparia
1977   Nuttata 'e Sentimento
1977   Qui Fu Napoli  (Remake)
1977   Rundinella
1977   Serenata Napulitana
1977   Tammuriata Nera
1977   Tarantelluccia
1977   Te Voglio Bene Assaie
1978   La Rumba Degli Scugnizzi
1978   Popolo Po’   con Marisa Laurito
1978   Tiritomba   con Marisa Laurito
1980   Canzone Nuvella
1980   Tarantella

 

ALCUNI DISCHI IN ARCHIVIO